Una nuova procedura per recuperare le schede Google sospese

new policies for suspended google listings

Google ha appena introdotto in Europa una nuova procedura per le aziende la cui scheda Google My Business è stata sospesa a causa di violazioni delle Linee guida di Google. Questa informazione è stata rivelata da Ben Fisher, un esperto americano di SEO locale, sul suo blog.

In base alle nuove regole, un’azienda ha ora una sola possibilità di richiedere il ripristino del proprio profilo aziendale tramite l’Assistenza Google. Continua a leggere per scoprire nei dettagli questa nuova procedura.

Vecchia procedura vs. Nuova procedura

In passato, un’azienda che si trovava ad affrontare una sospensione aveva diverse possibilità di correggere gli errori o di inviare i documenti mancanti per ripristinare la propria scheda. 

A volte si trattava di un processo lungo e complicato. I motivi della sospensione erano comunicati male e i rifiuti di reintegro erano spesso criptici, menzionando solo vagamente le linee guida di Google.

Ora, con la nuova procedura, le aziende hanno solo una possibilità di richiedere il ripristino del proprio profilo. Tuttavia, Google è più trasparente sulle linee guida che non sono state seguite, rendendo più facile il ricorso, in teoria.

Tuttavia, se l’azienda non è in grado di fornire le informazioni corrette o se la sua scheda non è ancora conforme alle linee guida dopo una prima chiamata, la comunicazione con l’assistenza di Google cesserà automaticamente.

Come funziona la nuova procedura?

Se la tua scheda Google è stata sospesa sarai automaticamente avvisato tramite una email dalla parte di Google.

appeal-new-email

La mail spiegherà in generale le linee guida che non sono state rispettate, oltre a fornire i link all’assistenza Google per ulteriori informazioni. Si consiglia di leggere la documentazione fornita per preparare le informazioni necessarie a ripristinare la scheda.

Da questa e-mail è possibile accedere direttamente al modulo per richiedere il ripristino della scheda. In questo modo è possibile fare ricorso contro la sospensione.

Verifica di essere connesso all’account Google dell’amministratore della scheda Google. Quindi seleziona la scheda sospesa, se ne gestisci più di una.

⚠️ La schermata successiva del modulo di reintegrazione è molto importante.

appeal step informing about 60 minutes to give proof

Questa schermata ti chiede se sei pronto a fornire le prove necessarie per il ripristino del tuo profilo. Non premere “Continua” se non sei veramente pronto!

Una volta avviato il processo, avrai esattamente 60 minuti per raccogliere le prove e caricarle sulla piattaforma.

pictogramme bulle

Ricorda

Hai solo una possibilità per chiedere il ripristino della tua scheda Google. Se non si supera questa fase, è molto probabile che la richiesta venga respinta e che non si abbia la possibilità di fare ricorso di nuovo.

Hai solo una possibilità per chiedere il ripristino della tua scheda Google. Se non si supera questa fase, è molto probabile che la richiesta venga respinta e che non si abbia la possibilità di fare ricorso di nuovo.

Se le richiesta di ripristino viene accettata, sarai informato via e-mail.

Cosa fare se il tentativo di ripristino della scheda fallisce?

La nuova procedura prevede un solo modo per richiedere il ripristino tramite il sistema di assistenza di Google.

Se la richiesta viene rifiutata, l’unica possibilità è di richiedere a Google l’avviamento di un processo di mediazione, il quale coinvolge un mediatore neutrale e qualificato il cui ruolo è quello di aiutare gli utenti e Google a risolvere la controversia.

Come si richiede la mediazione con Google?

Google ha messo a disposizione delle aziende europee un modulo di richiesta di mediazione.

Le aziende che desiderano ricorrere alla mediazione devono compilare il modulo di richiesta e collaborare con un mediatore scelto da Google. Il gigante americano si avvale del Centre for Effective Dispute Resolution (CEDR) per fornire servizi di mediazione.

attention rouge

Importante

Le aziende sono tenute a pagare la loro quota di costi di mediazione. Poiché il costo può variare in base a una serie di fattori, attualmente non è possibile sapere quanto si debba pagare.

Le aziende sono tenute a pagare la loro quota di costi di mediazione. Poiché il costo può variare in base a una serie di fattori, attualmente non è possibile sapere quanto si debba pagare.

Prima di inviare il modulo di richiesta di mediazione, assicurati di disporre delle seguenti informazioni:

  • Il nome della persona che presenta la richiesta
  • Il nome della società coinvolta nella richiesta
  • Il principale Stato membro dell’UE in cui ha sede l’azienda o di cui si è residenti
  • L’indirizzo e-mail utilizzato per creare l’account
  • Le piattaforme Google coinvolte
  • L’identificativo degli account associati a ciascuna piattaforma, se ne possedete uno.
  • Una spiegazione del motivo della richiesta
  • L’esito desiderato della mediazione
  • Il numero di richiesta assegnato da Google per tenere traccia dei precedenti tentativi di risoluzione della controversia

Il processo di mediazione è soggetto a determinate condizioni e avvertenze, pertanto si consiglia di leggere attentamente le informazioni contenute nel modulo.

La mediazione con Google funziona davvero?

In realtà, è difficile sapere quanto spesso Google accetterà di risolvere le controversie attraverso la mediazione e con quanta determinazione affronterà i singoli casi. Per il momento, quindi, i risultati della mediazione sono incerti.

La nuova procedura di mediazione per le aziende proposta da Google ha lo scopo principale di conformarsi al regolamento P2B dell’Unione europea (UE).

Cos’è il regolamento P2B?

Google ha aggiornato il suo servizio di assistenza per i profili dell’attività (Google My Business), che include modifiche alle linee guida e ai termini di utilizzo al fine di allinearsi alle nuove regole di trasparenza dell’UE sulla moderazione dei contenuti.

Il regolamento P2B (Platform-to-Business) mira a tutelare gli interessi delle aziende e liberi professionisti per quanto riguarda le loro interazioni con le piattaforme o gli intermediari online.

Google ha aggiornato il suo servizio di assistenza per i profili dell’attività (Google My Business), che include modifiche alle linee guida e ai termini di utilizzo al fine di allinearsi alle nuove regole di trasparenza dell’UE sulla moderazione dei contenuti.

Il regolamento P2B (Platform-to-Business) mira a tutelare gli interessi delle aziende e liberi professionisti per quanto riguarda le loro interazioni con le piattaforme o gli intermediari online.

Per concludere

La procedura di ripristino delle schede sospese su Google sta cambiando.

Ecco cosa è importante ricordare:

  • Un’azienda ha ora una sola possibilità di ripristinare la propria scheda aziendale tramite l’Assistenza Google.
  • È essenziale raccogliere tutte le prove e informazioni richieste prima di richiedere il ripristino, poiché il modulo rimane accessibile solo per 60 minuti una volta avviato.
  • Se il ripristino viene rifiutato, l’azienda può chiedere a Google una mediazione. 
  • La mediazione non è gratuita e non garantisce il ripristino del profilo.
Questo articolo ti è stato utile?
Si, grazie!No, non molto...

Di Giulia Gregori

Responsabile editoriale

Sei ad un clic dal successo

Vuoi sviluppare in modo semplice la tua attività online? Da oggi è possibile grazie a Partoo!

Contattaci

Testa la tua visibilità su Google

Il nostro test gratuito analizza il tuo profilo dell’attività su Google e ti fornisce consigli personalizzati per l’ottimizzazione.

Scopri il tuo punteggio

Continua a leggere ...

jim ai agent partoo
16 Aprile 2024

Ti presentiamo Jim: l’agente IA ideale per conversazioni più fluide con i clienti

Siamo entusiasti di annunciare il lancio della nostra nuova funzionalità, Jim: un agente IA progettato…

whatsapp partoo
8 Aprile 2024

Partoo integra i messaggi WhatsApp

Siamo entusiasti di introdurre una novità sulla nostra piattaforma – l’integrazione di WhatsApp nell’app Partoo!…

Suspended google listing
21 Marzo 2024

Scheda Google sospesa? Tutti i passaggi per recuperarla! (guida pratica)

La sospensione della tua scheda Google potrebbe avere un impatto negativo per la visibilità e…

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri articoli e guide pratiche direttamente nella tua casella di posta elettronica una volta al mese