Google ha aggiornato le linee guida per le aziende

Google ha aggiornato le linee guida per le aziende che utilizzano il profilo Google Business (ex Google My Business). Queste raccomandazioni sono importanti da seguire se si vuole ottimizzare il proprio posizionamento su Maps e Google Search, senza rischiare penalizzazioni. Verifica delle schede, servizi, orari di apertura… diamo un’occhiata ai principali cambiamenti da tenere a mente.

Validazione delle schede e dello stato degli store

Una delle modifiche più importanti riguarda il processo di verifica delle schede nei negozi.

Fino a poco tempo fa, i metodi di verifica delle schede Google erano i seguenti:

  • Verifica automatica: Google utilizza “fattori di fiducia” per determinare se la richiesta di verifica sia legittima o meno.
  • Verifica classica tramite uno dei seguenti metodi: e-mail, SMS, chiamata, posta, videochiamata o registrazione video.
  • Verifica diretta
  • Verifica di gruppo: per catene di oltre 10 punti vendita.

D’ora in poi saranno possibili solo la verifica classica e la verifica di gruppo.

I diversi stati di verifica delle schede Google

Prima, durante o dopo l’avvio del processo di verifica, lo stato delle schede Google Business Profile cambia. Di seguito una panoramica dei diversi stati e di ciò che ciascuno di essi implica.

  • Verifica in corso: il processo è in corso e il codice di verifica è già stato inviato all’azienda. Per completare il processo, è necessario inserire questo codice nel proprio profilo Google My Business.
  • Non verificato o verifica necessaria: il processo di convalida non è ancora iniziato, il codice di verifica non è ancora stato inviato all’azienda. Se i punti vendita sono più di 10, il processo da seguire è la verifica di gruppo.
  • Duplicato: Google ha rilevato l’esistenza di un altro annuncio per questo stesso punto vendita.
  • Disattivato: Google ha deciso di interrompere la visualizzazione di un annuncio perché non rispetta le regole.
  • Sospeso: una scheda è stato sospesa dopo aver rilevato una violazione delle regole di Google.

Per risolvere gli ultimi due problemi, è necessario inviare un modulo a Google. Il servizio di assistenza di Google vi contatterà per ottenere ulteriori informazioni e risolvere il problema. Trovate informazioni più dettagliate in questo video.

Proprietà delle schede

Google descrive dettagliatamente le situazioni che potrebbero comportare la perdita di proprietà di una scheda.

  • Inattività: se non si accede al proprio account per molto tempo, ciò può mettere in dubbio la proprietà della scheda.
  • Perdita dell’autorizzazione: quando l’azienda conferma che non siete autorizzati a gestire l’inserzione.
  • Mancanza di comunicazione: Google ha cercato più volte di contattarvi per confermare il vostro stato senza successo.
  • Cancellazione dell’inserzione: la scomparsa di un’inserzione mette in discussione la sua proprietà.

Restrizioni di contenuto

Google attribuisce grande importanza alla qualità delle informazioni a cui gli utenti di Internet hanno accesso. Per questo motivo, sono già state introdotte restrizioni per limitare la pubblicazione di articoli di bassa qualità. Google spiega:

“Quando i contributi degli utenti sono inutili, offensivi, fuori tema o violano le linee guida di Google, i contenuti generati dagli utenti possono essere limitati o sospesi nell’inserzione”. Esempio: una serie di recensioni negative non correlate all’esperienza offerta dalla struttura.

Modifiche per le aziende di servizi locali

Google ha aggiunto dettagli per le aziende per aiutarle a gestire al meglio la loro presenza online nel loro profilo aziendale.

Aziende di servizi locali

Si tratta di aziende che consegnano i loro prodotti a domicilio, ma non in un punto vendita. Si consiglia in questo caso di indicare il proprio indirizzo e un’area di servizio, cioè la zona di attività dell’azienda. Tuttavia, se l’indirizzo è quello di casa del titolare (ad esempio un idraulico), Google specifica che è meglio non aggiungerlo al profilo aziendale di Google.

Servizi “ibridi”

Si tratta di aziende, come ad esempio alcune officine meccaniche, che offrono sia servizi presso un punto vendita (l’officina) sia interventi al di fuori dell’officina. In questo caso, possono indicare l’indirizzo dello stabilimento e anche l’area di servizio. D’altra parte, per indicare un’area di servizio, l’impresa deve garantire di essere in grado di ricevere i clienti durante gli orari di apertura.

Orari di apertura: cosa considerare?

Per alcuni settori di attività, Google fornisce indicazioni precise per aggiungere orari nel modo più ottimale possibile.

  • Ristoranti: aggiungere gli orari di apertura del vostro ristorante. Se pertinente, è possibile aggiungere anche gli orari di consegna o ritiro a domicilio.
  • Concessionari di auto: utilizzare gli orari di apertura per la vendita di auto o moto.
  • Banche: aggiungere gli orari di apertura della banca (le ore in cui sono presenti i consulenti). Non dimenticate che un bancomat può avere una propria scheda su Google con i propri orari di apertura.
  • Aziende di stoccaggio: utilizzare gli orari di apertura della reception.

Le aziende che hanno orari di apertura speciali legati alla loro attività possono anche indicare orari di apertura eccezionali per giorni speciali (festività, vacanze…) o orari di apertura aggiuntivi se offrono servizi speciali in periodi diversi dai normali orari di apertura. Google incoraggia le aziende ad aggiungere gli orari di apertura che meglio riflettono i loro orari di apertura e la varietà della loro attività. Questo spiega anche tutte le possibilità di personalizzazione.

Nomi delle schede: quali sono le best practice?

Per quanto riguarda la denominazione delle inserzioni del profilo aziendale di Google, queste sono le raccomandazioni di Google, riassunte in una tabella esplicativa:

Questo articolo ti è stato utile?
Si, grazie!No, non molto...

Impara dai migliori!

Scarica il nostro barometro 2024 e scopri quali aziende hanno gestito meglio la loro e-reputation, oltre ai nostri consigli per la continua crescita della tua attività!

Ottieni il barometro

Sei a un clic dal successo

Vuoi sviluppare in modo semplice la tua attività online? Da oggi è possibile grazie a Partoo!

Contattaci

Continua a leggere ...

jim ai agent partoo
16 Aprile 2024

Ti presentiamo Jim: l’agente IA ideale per conversazioni più fluide con i clienti

Siamo entusiasti di annunciare il lancio della nostra nuova funzionalità, Jim: un agente IA progettato…

whatsapp partoo
8 Aprile 2024

Partoo integra i messaggi WhatsApp

Siamo entusiasti di introdurre una novità sulla nostra piattaforma – l’integrazione di WhatsApp nell’app Partoo!…

Suspended google listing
21 Marzo 2024

Scheda Google sospesa? Tutti i passaggi per recuperarla! (guida pratica)

La sospensione della tua scheda Google potrebbe avere un impatto negativo per la visibilità e…

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi i nostri articoli e guide pratiche direttamente nella tua casella di posta elettronica una volta al mese